In Italia, le prime iniziative in questo senso sono state prese dal Parco Nazionale dei Monti Sibillini, che ha deciso di impostare le proprie attività di Educazione Ambientale secondo queste raccomandazioni. Il Parco ha promosso il Progetto denominandolo “EQUILIBRI NATURALI” e dopo una prima fase di sperimentazione, sono state coinvolte numerose Aree Protette Nazionali (Parchi e Aree Marine) e Regionali, e a esse si sono aggiunti Enti Pubblici, Istituzioni, Associazioni ambientaliste e organizzazioni no-profit private.

Del primo gruppo, che ha risposto subito all’appello dl Parco dei Sibillini, assumendo il ruolo di “promotori”, fanno parte:

 

  • Parco Nazionale del Circeo
  • Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi
  • Agenzia Regionale Parchi del Lazio
  • Parco Regionale del Po Torinese
  • Area Marina Protetta del Plemmirio
  • Associazione Ambientalista Mare Vivo
  • Istituto Pangea Onlus (Labnet-Lazio)

In seguito, hanno aderito:

  • Parco Regionale del Fiume Irno
  • Parco Nazionale del Gran Sasso, Monti della Laga
  • Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise
  • Parco Regionale dei Castelli Romani
  • Parco Regionale dei Monti Lucretili
  • Parco Regionale Marturanum
  • Parco Regionale dei Monti Aurunci
  • Ente Regionale RomaNatura
  • Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente-Sicilia
  • Ente Foreste Sardegna
  • Parco Nazionale della Sila
  • Parco Nazionale del Pollino
  • Parco Nazionale dell’Appennino Lucano-Val d’Agri-Lagonegrese
  • Area Marina Protetta di Punta Campanella
  • Direzione Regionale Ambiente-Regione Lazio
  • Amministrazione Provinciale di Roma-Ente gestore dei parchi provinciali

Nell’ambito degli scambi tra le Aree Protette Italiane e quelle statunitensi, l’Ambasciata USA in Italia, essendo interessata allo sviluppo delle relazioni culturali, ha supportato tale iniziativa e l’ha sostenuta, organizzando una video-conferenza internazionale per lo scambio di esperienze tra Aree Protette italiane e Istituzioni e Aree Protette statunitensi, come il National Park Service, l’ Acadia National Park, il Conservation Study Institute, avvenuta il 9 febbraio 2010.

 

il progetto

EQUILIBRI NATURALI

è declinato da

Istituto Pangea onlus